Yahoo Web Search

  1. Rock progressivo – Wikipédia, a enciclopédia livre

    pt.wikipedia.org › wiki › Rock_progressivo

    Rock progressivo Origem: Wikipédia, a enciclopédia livre. Rock progressivo (também abreviado por prog rock ou prog) é um gênero do rock que surgiu no fim da década de 1960, na Inglaterra. Tornou-se muito popular na década de 1970 e ainda hoje possui muitos adeptos.

  2. Rock progressivo - Wikipedia

    it.wikipedia.org › wiki › Rock_progressivo

    Il rock progressivo (dall' inglese progressive rock), anche noto come prog o prog rock, è un genere della musica rock, evoluto dal rock psichedelico britannico degli anni sessanta e diffusosi in Germania, Italia e Francia nel corso del decennio e di quello successivo.

  3. Progressive rock - Wikipedia

    en.wikipedia.org › wiki › Rock_progressivo_italiano

    Progressive rock (shortened as prog; sometimes called art rock, classical rock or symphonic rock) is a broad genre of rock music that developed in the United Kingdom and United States throughout the mid- to late 1960s.

    • Mid to late 1960s, United Kingdom and United States
    • Art rock, classical rock, prog, symphonic rock
  4. Rock progressivo in Italia - Wikipedia

    it.wikipedia.org › wiki › Rock_progressivo_italiano
    • I Modelli Anglosassoni
    • Storia
    • Musicisti Di Spicco
    • Copertine
    • Etichette
    • Bibliografia
    • Voci Correlate
    • Collegamenti Esterni

    Il rock progressivo viene convenzionalmente fatto nascere in Inghilterra con la pubblicazione nel 1969 dell'album In the Court of the Crimson King dei King Crimson. L'Italia fu interessata dalla cosiddetta British invasion, e i gruppi progressive mutuarono praticamente tutti gli stilemi del rock sinfonico britannico: brani lunghi e strutturati (le suite), album a tema (i concept album), testi sofisticati e pretenziosi con frequenti riferimenti alla mitologia, alla filosofia e al fantasy, contaminazione con la musica classica e grande enfasi sulle tastiere (che spaziano dall'organo Hammond al clavicembalo, dal moog al mellotron), soluzioni ritmiche complesse, arrangiamenti barocchi, copertine dalla valenza artistica. Fra i principali gruppi ispiratori si possono citare in primo luogo i Genesis, autori di un fortunatissimo tour lungo la penisola nell'aprile e agosto del 1972, ai quali si rifaceva la maggioranza dei gruppi melodici, i King Crimson, gli Emerson, Lake & Palmer e The Nice...

    Dal beat al pop

    Il primo album con tracce di progressivo fu l'album Dies Irae dei Formula 3, prodotto in gran parte da Lucio Battisti. Il primo lavoro progressive a godere di credito anche fuori dall'Italia, però, si ebbe nel 1971 con l'uscita di Collage, secondo LP delle Orme. Un anno prima il tastierista Tony Pagliuca, con l'aiuto di Armando Gallo, storico fotografo e giornalista musicale, si era introdotto nell'ambiente musicale londinese per frequentare i gruppi progressive emergenti e apprendere il nuov...

    Il progressive italiano dei primi anni settanta

    L'uscita di Collage nel settembre del 1971 fu l'avvio di una nuova fase per il rock italiano. Meno di un mese dopo, la Premiata Forneria Marconi fece uscire il singolo La carrozza di Hans/Impressioni di settembre, il cui lato B, scritto da Mogol, conteneva il celebre inciso di minimoog rimasto uno dei capisaldi progressive più famosi di sempre. Lo strumento, all'epoca decisamente innovativo e costoso, era stato ottenuto in prestito. Molti anni dopo il batterista, uno dei leader del gruppo, di...

    Il successo fuori dall'Italia

    I lavori di maggior successo rimangono comunque quelli legati alla produzione dei gruppi più celebrati, i quali attirarono anche l'attenzione del paese in cui era nato il progressive. Il gruppo delle Orme, subito dopo l'uscita di Collage venne contattato dalla Charisma, l'etichetta dei Genesis e dei VDGG. Poco dopo, Pagliuca e soci riuscirono ad allacciare rapporti con Tony Stratton Smith scopritore dei Nice e dei Genesis e registrarono Felona and Sorona. Il testo in inglese della lunga suite...

    Il movimento progressive fu possibile anche grazie al grande talento musicale di una generazione di musicisti che arrivava alla musica leggera dopo una gavetta professionale, fatta di lunghe ore in sala prove per le incisioni di musicisti blasonati. Ad esempio, i Trip erano stati il gruppo di accompagnamento di Riki Maiocchi, mentre la PFM era costituita da celebri turnisti del circuito milanese, che avevano suonato in molti degli album più complessi di Lucio Battisti. Alcuni dei migliori compositori avevano alle spalle un background di studi classici, e anni di conservatorio. Ad esempio, i pianisti Gianni e Vittorio Nocenzi, autori del Banco, Claudio Simonetti dei Goblin o l'organista Flavio Premoli della PFM. Tra i musicisti eccellenti del progressive italiano, oltre a quelli già menzionati, possiamo annoverare i cantanti Demetrio Stratos (Area), Davide "Jimmy" Spitaleri (Metamorfosi) e Bernardo Lanzetti (Acqua Fragile, PFM), i tastieristi Joe Vescovi (The Trip), Gianni Leone (Bal...

    L'ambizione di molti gruppi progressive era quella di confezionare un disco che fosse un'opera artistica, anche al di là dello stretto ambito musicale. La formula del concept album, ad esempio, doveva dare al disco una dignità letteraria. In questo contesto, anche la copertina rappresentava una componente dell'opera d'arte, e i gruppi finirono per avvalersi anche di prestigiosi consulenti, quali il fotografo e direttore artistico Cesare Monti. Il catalogo della musica progressiva degli anni settanta annovera dischi dalle copertine indimenticabili. Alcuni gruppi, colpiti dalla banana ritratta da Andy Warhol sulla copertina dei primi Velvet Underground, aveva commissionato la copertina a pittori visionari. Alla fine degli anni sessanta era già avvenuto uno stretto connubio tra arte e rock, con Le Stelle di Mario Schifano, il cui unico album Dedicato a dalla consistenza musicale perlomeno discutibile, aveva la copertina realizzata dal maestro. All'insegna di questo connubio sono da ric...

    Con l'affermarsi del nuovo genere musicale, anche in Italia nacquero etichette e case discografiche più o meno specializzate. Nel mercato inglese era nata la Manticore, per iniziativa degli artisti Keith Emerson e soci. Anche in Italia c'erano state le esperienze del Clan di Celentano e della PDU di Mina. Nel 1969 Mogol, insieme a Lucio Battisti, fondò la Numero Uno, che in breve raccolse attorno a sé la cerchia di valenti musicisti che suonavano con loro, a cominciare dalla Formula 3 e dalla neonata Premiata Forneria Marconi. Negli anni a venire saranno pubblicati, tra gli altri, i dischi di Acqua Fragile, Anonima Sound, Flora Fauna Cemento, Alberto Radius, Il Volo e Oscar Prudente.Nel 1970, sempre a Milano, era stata costituita l'etichetta Bla Bla, dal discografico Pino Massara. L'etichetta mise sotto contratto il giovane Franco Battiato e il giro dei suoi musicisti di riferimento. Con l'etichetta furono stampati i dischi degli Aktuala, Osage Tribe, Capsicum Red, Genco Puro e Co....

    Mox Cristadoro, I 100 migliori dischi del Progressive italiano, Tsunami Edizioni, 2014 / 2017 (seconda edizione).
    A.A.V.V. (John N. Martin, Michele Neri, Sandro Neri), Il libro del Prog Italiano, Giunti, 2013. A cura di Riccardo Bertoncelli.
    Alessio Marino, Terzo Grado - Indagine sul pop progressivo italiano ( in allegato 45 giri di Lydia e gli Hellua Xenium ), Tsunami Edizioni, 2015.
    Claudio Aloi, Giuseppe Di Spirito, Roberto Vanali, Franco Vassia, Donato Zoppo, Prog 40 - Quarant'anni di progressive-rock nel mondo, a cura di Maurizio Galia, Applausi Editore, 2009.
  5. Categoria:Bandas de rock progressivo – Wikipédia, a ...

    pt.wikipedia.org › wiki › Categoria:Bandas_de_rock

    Páginas na categoria "Bandas de rock progressivo" Esta categoria contém as seguintes 200 páginas (de um total de 302). (página anterior) (página seguinte)

  6. Épico (rock progressivo) – Wikipédia, a enciclopédia livre

    pt.wikipedia.org › wiki › Épico_(rock_progressivo)

    Épico (rock progressivo) Origem: Wikipédia, a enciclopédia livre. Esta página cita fontes confiáveis, mas que não cobrem todo o conteúdo. Ajude a inserir referências.

  7. Category:Progressive rock musicians - Wikimedia Commons

    commons.wikimedia.org › wiki › Category:Progressive

    Dec 31, 2018 · Media in category "Progressive rock musicians" The following 23 files are in this category, out of 23 total. Alfonso Vidales, keyboardist of CAST (band), Baja Prog 2007, Mexicali.jpg 768 × 680; 85 KB

  8. Rock neoprogressivo – Wikipédia, a enciclopédia livre

    pt.wikipedia.org › wiki › Rock_neoprogressivo
    • História
    • Características
    • Opiniões
    • Maiores Bandas
    • Ver também

    O fim dos anos 70 viram a queda do rock progressivo em virtude da ascensão do punk, uma música mais simples que "qualquer um podia tocar". Outros movimentos contribuíram para a queda do progressivo, como o pop e o new wave. A grande maioria das bandas de rock progressivo formadas nas décadas de 1960 e 1970 tiveram um fim ou uma caída nessa época. Yes e Genesis, por exemplo, mudaram radicalmente seu estilo para pop ou soft rock. Pink Floyde outras bandas acabaram desfazendo-se. Nessa época, devido à influência desses outros estilo, especialmente o new wave, formaram-se bandas que possuíam características do progressivo, porém não eram tão marcantes e perceptíveis, e acharam seu meio no estilo da época. Baseados principalmente na música de Genesis, Pink Floyd, Camel e Van der Graaf Generator, essas bandas criaram esse novo estilo adicionando elementos como bateria mais presente e guitarras mais pesadas, características que mais tarde, na década de 1990, dariam origem ao metal progress...

    O neo progressivo tem uma aproximação muito forte do rock progressivo clássico, mas suas principais diferenças são: 1. Mais profundas que o new wave, tanto musicalmente quanto sonoramente 2. Música dinâmica, com muitos solos, especialmente de guitarra e teclado 3. A sofisticação da música fica entre o rock popular e aquela encontrada em bandas clássicas como Yes, Genesis e Camel 4. As letras normalmente são ricas e profundas, tratando dos mais variadas assuntos

    O neo progressivo, de uma maneira geral, tende a ser muito bem dividido, do ponto de vista do ouvinte. Aquele que gosta do rock progressivo clássico tende a achar o neo-progressivo fraco e diluído (ou uma "cópia mal-feita"). O fã de new wave ou poppoderá achar o estilo muito rebuscado, e portanto pouco apreciável. Em geral, os que gostam de neo-progressivo, porém, tendem a gostar também dos dois estilos. O estilo é frequentemente criticado pela falta de originalidade, mesmo por artistas como Robert John Godfrey do The Enid, cuja banda é geralmente promovida por fãs do gênero. Ele cita: Apesar das críticas, o neo prog ainda promoveu uma grande e significativa base de fãs e álbuns são constantemente lançados. Uma das maiores gravadores do gênero é a InsideOut Music. Fãs de metal progressivopodem encontrar no estilo uma boa alternativa, com um som ligeiramente mais leve, dependendo da banda.

    Abaixo segue uma lista das bandas marcantes do neo-progressivo: 1. Marillion (1983-1987: era Fish, 1987- : era "H") 2. Saga (1979-) 3. Arena (1995-) 4. IQ (banda) (1983-) 5. Pendragon (1985-) 6. Pallas (1984-) 7. Collage (1990-1995) 8. Satellite (2003-) 9. Twelfth Night (1980-1986) 10. Galleon (1992-) 11. Galahad (1993-)

  9. Canterbury scene - Wikipedia

    en.wikipedia.org › wiki › Canterbury_sound

    The Canterbury scene (or Canterbury sound) was a musical scene centred around the city of Canterbury, Kent, England during the late 1960s and early 1970s. Associated with progressive rock, the term describes a loosely-defined, improvisational style that blended elements of jazz, rock, and psychedelia.

  10. Piersandro Pallavicini - Wikipedia

    en.wikipedia.org › wiki › Piersandro_Pallavicini

    Quei bravi ragazzi del rock progressivo (Theoria, 1998) Riviste anni '90: L'altro spazio della nuova narrativa (Fernandel, 1999) Mastronardi e il suo mondo (with Antonella Ramazzina, Otto/Novecento, 1999)

  11. People also search for
  1. Ad
    related to: Rock progressivo wikipedia