Yahoo Web Search

  1. Giovanni Maria Visconti - Wikipedia

    it.wikipedia.org/wiki/Giovanni_Maria_Visconti

    Il 16 marzo ci si illuse di ristabilire la pace tra guelfi e ghibellini milanesi ma Filippo Maria decise di far tornare a Milano Francesco Visconti per cui scoppiarono nuovi tumulti in cui le proprietà di Francesco Barbavara furono saccheggiate insieme al monastero e alla basilica di Sant'Ambrogio il cui abate Giovanni Lampugnani fu fatto a ...

  2. Medaglia di Filippo Maria Visconti - Wikipedia

    it.wikipedia.org/wiki/Medaglia_di_Filippo_Maria...

    Tra le prime vi fu proprio quella per il duca di Milano, Filippo Maria Visconti, al potere dal 1412, alleato di Mantova nella guerra contro Venezia; nello stesso gioco di alleanze fu creata in quel periodo anche la medaglia di Niccolò Piccinino, capo delle truppe milanesi.

  3. Francesco Sforza: il primo Duca di Milano - Periodico Daily

    www.periodicodaily.com/francesco-sforza-il-primo...

    Alla morte del Duca di Milano, Filippo Maria Visconti, Sforza crea la Repubblica Ambrosiana, dove diventa comandante dell’ esercito milanese. Francesco Sforza e la biografia Francesco Sforza, nasce a Cigoli il 23 luglio 1401, e muore a Milano l’ 8 marzo 1466.

  4. Seicento anni dall’inizio del ducato di Filippo Maria Visconti

    bibliostoria.com/2013/06/11/seicento-anni-dall...

    Filippo Maria Visconti. Segnaliamo il convegno di Studi: Seicento anni dall’inizio del ducato di Filippo Maria Visconti, 1412-1447.Economia, politica, cultura.. Il convegno, organizzato a cura del dipartimento di Studi Storici della nostra Università, si terrà i giorni 13 e 14 giugno a Milano, presso l’Università degli Studi, Sala Napoleonica di Palazzo Greppi, via S. Antonio 10 e ...

  5. Visconti - Wikipedia

    it.m.wikipedia.org/wiki/Visconti

    Signore di Milano Duca di Milano Conte di Pavia. Signore di Massino. Fondatore: Eriprando (o Ariprando) Visconti Ultimo sovrano: Filippo Maria Visconti: Data di fondazione: 1075: Data di deposizione: 1447: Etnia: Italiana: Rami cadetti: v. sezione di riferimento

  6. Bianca Maria Visconti - Wikipedia

    it.wikipedia.org/wiki/Bianca_Maria_Visconti

    Bianca Maria Visconti (Settimo Pavese, 31 marzo 1425 – Melegnano, 23 ottobre 1468) era figlia legittimata e unica erede di Filippo Maria Visconti, duca di Milano, e di Agnese del Maino. Fu moglie di Francesco Sforza , duchessa di Milano dal 1450 al 1466 , e madre dei duchi Galeazzo Maria Sforza e Ludovico il Moro .

  7. Francesco Sforza: breve biografia del primo Duca di Milano ...

    www.trentaminuti.it/francesco-sforza-breve...

    Istruito al mestiere delle armi dal padre Muzio Attendolo, Francesco trascorse la gioventù impegnato in condotte militari al servizio di questo o quel Signore, fino ad imbattersi in Filippo Maria Visconti, bizzarro e diffidente Duca di Milano che, per legarlo a se stesso tenendoselo buono, gli promise la mano dell’unica figlia Bianca Maria ...

  8. FILIPPO MARIA VISCONTI - ForumFree

    historiatestistemporum.forumfree.it/?t=76527568

    Filippo Maria Visconti, un paranoico al potere. Mi interessa soprattutto descrivere la vita “personale” di un personaggio incredibile, che, nonostante la sua follia fece di Milano una potenza influentissima militarmente ma soprattutto diplomaticamente sullo scenario italiano, e non solo, fu un folle genio della dissimulazione, usò tutti come pedine di un gioco senza regole, imprevedibile ...

  9. Il ducato di Filippo Maria Visconti, 1412-1447. Economia ...

    www.rmoa.unina.it/3232/1/DelTredici.pdf

    Poco meno di dieci anni dopo – con l’ingresso in città del nuovo duca Fi-lippo Maria – tutto da Milano doveva provare a ricominciare. Se da Milano si era dato il la alla «subversione» – fattuale e ideologica – dello stato gian-galeazziano, da Milano il vero erede del primo duca, Filippo Maria, avrebbe

  10. Il ducato di Filippo Maria Visconti, 1412-1447 militare di quest’ultimo, o ancora magari al principe o allo Stato, al cui ser-vizio militavano le truppe, magari mercenarie, che avevano posto in essere la cattura. Su un punto però erano tutti concordi: era legittimo, pacifico e natu-