Yahoo Web Search

  1. About 11,500 search results
  1. A lingua spagnola (u spagnolu; in spagnolu: español) hè una lingua romanica è a lingua ufficiale di a Spagna è di guasi tutti i paesi di l'America Latina. Si chjama puru lingua castillana o castigliana ( castillanu / castiglianu ; in spagnolu: castellano ) è hà circa 450 milioni di locutori.

  2. Lingua spagnola Lengua española; Pajais Spagna Argentinia Belice Bolivia Colombia Chile Costa Rica Cuba Dominicana Ecuador El Salvador Guatemala Honduras Mexico Nicaragua Panama Paraguay Peru Puerto Rico Uruguay Venezuela: Pledaders 340 milliuns Tipologia SVO Classificaziun - Linguas Indo-Europeas 0 - Linguas italicas 0 0 - Linguas romanas 0 0 ...

    • es
    • SVO
    • 340 milliuns
    • spa
  3. Lu Spagnolu è na lingua neo-latina ca si parra nta quasi 50 paisi e rapprisenta una di li lingui cchiù parrati ntô munnu, doppu lu cinisi mannarinu.Veni dittu puru castigghianu picchì nascìu ntâ Castigghia, na riggiuni spagnola, e di dda si diffunnìu pi tutta la Spagna e, doppu di la cunchista di la Mèrica, puru nta àutri parti dû munnu.

    • Storia
    • Statistiche
    • Cronologia

    Il 16 marzo 2001, Jimmy Walesannuncia l'intenzione d'internazionalizzare Wikipedia con la creazione di numerose edizioni in diverse lingue. L'11 maggio, i programmatori Jason Richey e Toan Vo wiki ne hanno aperte nove.

    La Wikipedia in spagnolo ha 1 714 129 voci, 7 493 925 pagine, 6 326 511 utenti registrati di cui 14 759 attivi, 69 amministratori e una "profondità" (depth)di 209 (al 15 settembre 2021). È la nona Wikipedia sia come numero di voci che come "profondità", fra quelle con più di 100.000 voci (al 10 gennaio 2021).

    11 maggio 2001: è stato annunciato Wikipedia in spagnolo.
    20 maggio 2001: inizia Wikipedia in spagnolo.
    21 maggio 2001: primo articolo in assoluto.
    7 febbraio 2002: raggiunge 1.000 voci.
    • Opzionale
    • Spagnolo
    • Introduzione
    • Influenza lessicale
    • Influenza Morfosintattica
    • Glossario Di Termini Di Origine Araba
    • False Attribuzioni
    • Bibliografia
    • Voci Correlate

    Tutte le lingue romanze della Penisola Ibericamostrano una certo influenza dell'arabo andaluso, lengua predominante nella regione musulmana della Penisola a partire del secolo IX o X. In molte regioni, specialmente nel confine, hanno convissuto persone di lingue romanze e di lingua araba e allo stesso modo i regni musulmani e cristiani hanno avuto numerosi scambi commerciali e tecnologici tra loro. L'esistenza di persone bilingui e persone che transitavano tra una regione e l'altra ha prodotto situazioni sociolinguistiche per mutua influenza. Quello che oggi conosciamo con il nome di castigliano, ha avuto la sua origine in Castiglia quando vi era un'elevata presenza araba nella Penisola Iberica. Questo ha provocato un'importante influenza nella lingua fin dai suoi inizi. Gli arabismi sono più abbondanti nei dialetti della zona meridionale, soprattutto nella toponomastica. Gli arabismi si possono trovare in molti campi semantici dello spagnolo odierno, come per esempio quelli riguard...

    Lo spagnolo ha, in molti casi, coppie linguistiche latine e arabe con lo stesso significato, o per riferirsi esattamente alla stessa cosa. Di seguito si citano alcuni esempi di questi, anteponendo il vocabolo di origine araba al suo equivalente di etimologia latina: aceituna e oliva, aceite e óleo, alacrán e escorpión, jaqueca e migraña, alcancía e hucha. Poiché il sud di Spagna è stato l'epicentro della dominazione musulmana, l'influenza del mozarabe e dell'arabo è evidentemente più sensibile nelle lengue e dialetti (o forme dialettali) meridionali dello spagnolo peninsulare rispetto ai dialetti del nord. Tuttavia, nel caso particolare della lingua catalana l'influenza dell'arabo è stata minore, a causa del blocco dell'avanzata musulmana nella battaglia di Poitiers nel 732 da parte di Carlo Martello e la posteriore formazione della Marca di Spagna. Nonostante ciò, è comunque presente un'abbondante toponomastica di origine araba nelle zone dell'antica Corona di Aragonache sono state...

    Morfologia

    L'articolo arabo al- è stato incluso nel vocabolario castigliano (come a- in parole che in arabo iniziano per lettere solari), passando a fare parte di molte parole, invece di permanere come costituente sintattico, benché questo non incida sulla morfologia del castigliano, ma solamente sul lessico. Inoltre, è stato incorporato il suffisso -íad alcuni aggettivi, usato soprattutto in gentilizi del mondo arabo o musulmano.

    Sintassi

    Anche se non c'è consenso su questo, è possibile che la struttura sintattica del castigliano sia stata influenzata anche dalla lingua araba, o meglio da quella ebraica, lingue nelle quali generalmente nella frase viene posto prima il verbo e poi il soggetto. Secondo Rafael Lapesa, tanto in castigliano quanto in portoghese quest'ordine sintattico è più comune che in altre lingue romanze, anche se considera che non ci sono prove sufficienti del fatto che questo provenga dall'influenza semitica.

    A: ababol, aceite, aceituna, aceña, acequia, acicate, adive, aduana, ajedrez, ajonjolí, alambor (riferito all'architettura o all'esercito), alazán, alambique, albahaca, albañal, albañil, albóndiga, albur, alcachofa, alcalde, alcancía, alcanfor, alcazaba, alcázar, alcohol, aldea, alfanje, alfarda, alfombra, alforja, algarabía (riferito a a grida confuse), algarroba, algodón, alhaja, alheña, alhóndiga, alicate, aljaba, aljibe, almacabra, almacén, almadraba, almahala, almanaque, almazara, almez, almocadén, almocárabe, almohada, almohade, almojama, almoneda, almoraduj, almorávide, alquitrán, altabaca, argel, arrabal, arroz, atabal, atún, azahar, azafrán, azogue, azote, azúcar, azucena, azud. B: babucha, badana, baden o badén, balda (riferito a cosa di poco valore e di nessun guadagno), balde (riferito a vano), baharí, baladí, barrio, batea, bellota, berenjena, bórax. C: cabila, caire, calafate, cande, carmesí, cenefa, cenit o cénit. D: dado (riferito al gioco d'azzardo), daga (riferito...

    C'è una coincidenza nei sistemi fonologici dell'arabo e dello spagnolo moderno nella presenza nelle due lingue dei fonemi /θ, x/ (come in spagnolo zeta e jota o in arabo ث ṯā’ e خ ḫā’). Tali suoni sono rari nelle lingue romanze, per questo alcuni autori hanno attribuito il loro sviluppo nello spagnolo moderno all'influenza dell'arabo. La maggioranza degli autori non accetta questa spiegazione, poiché questi suoni sono stati rilevati in spagnolo solo a partire dal secolo XVI, quando l'influenza dell'arabo era quasi inesistente, come sviluppo di cambi fonetici previ che hanno avuto inizio con la perdita dell'opposizione di sonorità nei fonemii sibilanti. [senza fonte] Così i suoni dello spagnolo medioevale /ʦ, ʣ/ si sono evoluti prima nella predorsale /s̪̺/ e dopo in /θ/ (questo ultimo cambio non ci fu in America, né in Andalusia), mentre /š, ž/ si sono evoluti in /š/ e di lì in /x/. Questa evoluzione è iniziato a partire dal secolo XV e non sembra avere niente a che vedere con un sos...

    Las correspondencias arábigo-españolas en los sistemas de sibilantes, RFH, VIII págs. 12-76. Alonso, A. (1964).

    • aceite, aceituna, azafrán, azúcar, arrecife
    • Albacete, Alcalá, albaricoque, almohada, algodón
  4. A Wikipedia spagnola eni na virsioni dâ Wikipedia, scritta n lingua spagnula. Lijami sterni. es.wiki Sta pàggina fu canciata a 07:16 di lu 11 utt 2017. ...

  5. roa-tara.wikipedia.org › wiki › Lingua_spagnolaLènga spagnole - Wikipedia

    • Storie
    • Fonologgie
    • Variande Latinoamericane
    • Distribuzione Sciugrafeche
    • Spanglish
    • Esembie de Lènga
    • Premie Nobel Pè 'A Letterature de Lènga Spagnole
    • Note
    • Bibbliografije
    • Vôsce Cullegate

    Ô Spagnole s'è evolute da 'u Latine "volgare" subènne 'a 'nfluenze de le lènghe preromane (Basche, Celtiche, Iberiche, ecc.) parlate jndr'à zone, de l'Arabe, de le otre lènghe neolatine (occitane, frangise, tagliàne, ecc.) e, cchiù recendemènde, d'u 'nglise. Caratteristeche tipeche d'a fonologgie diacroniche spagnole sonde 'a lenizione (Latine vita, Spagnole vida), 'a palatalizzaziune (Latine annum, Spagnole año), 'a trasformaziune jndre dittonghe de le vocale latine breve e/o (Latine terra, Spagnole tierra; Latine novus, Spagnole nuevo). Fenomène auguale se pòtene iacchiere pure jndr'à lle otre lènghe romanze, pure ce ô Spagnole tène 'na 'nfluenze cèltechecchiù forte d'u Tagliàne, specie jndr'à lenizione. Cu 'a Reconguiste, 'u dialètte d'u cindre d'a penisole ibereche s'è spannùte pure jndr'à lle reggione meridionale. 'U prime lìbbre de grammateche spagnole (e pure 'a prime grammateche de 'ne lènga muderne) Gramática de la Lengua Castellana jè state realizzate a Salamanca jndr'ô 14...

    Jndr'ô XVI sèchele 'u castigliane hagghie subite de le cangiaminde jndr'à ll'ause de le consonànde ca onne determinate 'a definitive defferenziaziune respette a le lènghe confinànde, cumme 'u latese e 'u catalane. Pè esembie 'a /f/ a l'inizie de 'nu munne de parole jè state trasfurmate jndr'à /h/. 1. Alfabbète spagnole[?·info]

    Jndr'à lle Pajèsere latinoamericanese parle 'ô Spagnole, ma cu 'nflessiune lènguisteche particolare. Quèste 'nflessiune non ge sonde appartenènde a totte le Pajèsere latinoamericane, addò se iacchiene granne defferenze 'mbrà 'nu Paise e l'otre. Non ge stè nnijende de vicine a 'nu "Spagnole americane", piccè le varietà americane sonde assaje deverse e onne subbìte cangiaminde 'mbortande jndr'à lle urteme sèchele.Comungue, ce stonne alcune caratteristeche comune riguardànde ô Spagnole iberiche (d'a Spagne Nord e Cendrale): 1. Non g'esiste 'a seconne persone plurale: 'u vosotros jè sostituite da l'ustedes, e le verbe se iacchiene ad 'a terze persone plurale 2. 'U pretérito perfecto (passate prossime) jè spesse sostituite da 'u pretérito indefinido (passate remote) pure pè le aziune avvenute jndre 'nu passate recende o non angore concluse. 3. A levèlle fonetiche pigghie varie caratteristeche ca se 'ngondrane pure jndr'ô sud d'a Spagne (Andalusia): 3.1. Non g'esiste 'u suène 'nderdentale...

    Ô Spagnole jè une de le lènghe ufficiale de le Naziue Aunìte, de l'Aunìone Europee, de l'Organizzaziune de le State Americane, de l'Aunìone Africane e de l'Aunìone Latine. 'Na granna parte de le parlande jàvite jndr'à ll'emisfere occidentale (Europe, Americhe, e territorie spagnole jndr'à ll'Africa). Cu cirche 106 miglione de parlande (sije cumme prime ca cumme seconne lènga), 'u Messiche jè 'u State cu 'a cchiù numerose popolazziune ispanofone d'u munne. Ô Spagnole messicane s'è arricchite de le lènghe indios messicane e jè 'a versione cchiù diffuse d'a lènga jndr'à lle State Aunìte grazzie ad 'a granne popolazzziune immigrande messicane. Ce stonne cchiù nnande e da lundàne 'a Spagne (46 miglione), 'a Colombie (44 miglione), l'Argendine (39 miglione) e le State Aunìte (30 miglione, paise addò ô Spagnole jè 'a lènga domesteche pè cchiù d'u 10% de le crestiáne Statunitense ). Jndr'ô territorie bretànneche de Gibilterra, revennecate d'a Spagne, le 'Nglise rumane l'uneche lènga ufficia...

    Ô Spanglishse pòte definì 'na modalità de espressiune lènguisteche orale e scritte. S'hàve quanne, jndre 'na frase cu 'na strutture lessicale spagnole, se cangiane alcune termine cu quidde d'a lènga 'nglise od 'u cundrarie. Jndr'à forme scritte combrende pure 'a ispanizzaziune de parole 'nglise pè esembie write = rait, night = nait, teenager = tineyer; combrende l'adozione jndr'à lènga 'nglise de termine cumme taco, tapas, enchilada; l'adozione jndr'à lènga spagnole de e-mail pè correo electronico e link per enlace; 'u crijà neologgisme attraverse 'na sommarie traduziune da le 'nglise cumme typear o cliquear 'nvece de pulsar, emailear 'nvece de escribir correo electronico, reportear 'nvece de informar, remover 'nvece de sacar, educacion 'nvece de pedagogia o computadora 'nvece de ordenador. 'U fenomene conziste accussì de dò aspette: quidde de le 'nglise, specialmènde jndr'à lle State Aunìte, condaminàte da le ispanisme purtate da 'u flusse de latinoamericane proveniènde d'a frontie...

    Parole e frase de ause comune

    1. Sí= “sìne” 2. No= “none” 3. ¡Hola!= “cià!” 4. ¡Buenos días!= “Bbuèna sciùrnate!” (Letteralmènde: “bbuène sciùrne”) 5. ¡Buenas tardes!= “Bbuène pomerigge!” (Letteralmènde: “bbuène pomerigge”) 6. ¡Buenas noches!= “Bbuèna sere!”/ “Buona notte!” (Letteralmènde: “bbuène notte”) 7. ¡Adiós!=“Arrevederce!” 1. ¡Hasta luego!= “(Arrevederce) a presto!” 2. ¡Buena/mucha suerte!= “Buèna fortune!” 3. ¡Felicidades!= “Augure!” 4. Por favor= “Pè favore” 5. (Muchas) gracias= “Grazzie (assaje)” 6. De nada= “D...

    Numere cardinale

    0. cero 1. uno 2. dos 3. tres 4. cuatro 5. cinco 6. seis 7. siete 8. ocho 9. nueve 10. diez 11. once 12. doce 13. trece 14. catorce 15. quince 16. dieciseis 17. diecisiete 18. dieciocho 19. diecinueve 20. veinte 21. veintiuno 22. veintidós 23. veintitrés 24. veinticuatro 25. veinticinco 26. veintiseis 27. veintisiete 28. veintiocho 29. veintinueve 30. treinta 31. treinta y uno .... 40. cuarenta 50. cincuenta 60. sesenta 70. setenta 80. ochenta 90. noventa 100. cien 101. ciento uno 200. doscie...

    Numere ordinale

    1. primer, -ero, -era 2. segundo, -da 3. tercer, -ero, -era 4. cuarto, -ta 5. quinto, -ta 6. sexto, -ta 7. séptimo, -ma 8. octavo, -va 9. noveno, -na 10. décimo, -ma 11. undécimo, -ma o decimoprimero, -ra 12. duodécimo, -ma o decimosegundo, -ra 13. decimotercero, -ra 14. decimocuarto, -ta 20. vigésimo, -ma 21. vigésimo primero, -ra 30. trigésimo, -ma 40. cuadragésimo, -ma 50. quincuagésimo, -ma 60. sexagésimo, -ma 70. septuagésimo, -ma 80. octogésimo, -ma 90. nonagésimo, -ma 100. centésimo, -ma

    ↑ Spagnole jndr'ô munne
    ↑ Language Use
    ↑ Jndr'à realtà, l'etimologgije de alcazar jè a soje vote latine. 'A parole arabe derive 'nfatte da castrum, arabizzate jndre qasr a cui cchiù nnande se jè aggiunde l'artichele al-. Accussì l'etimo...
    Cano, Rafael (coord.): Historia de la lengua castellana. Barcelona: Ariel Lingüística, 2005.
    Grijelmo, A.: Defensa apasionada del idioma castellano. Madrid: Grupo Santillana de Ediciones, 1998. ISBN 968-19-1132-6.
    López García, Ángel: El rumor de los desarraigados: conflicto de lenguas en la Península Ibérica. Barcelona: Anagrama (XIII Premio Anagrama), 1985.
    Alatorre, Antonio: Los 1001 años de la lengua española. México: Fondo de Cultura Económica. ISBN 968166678.
  1. People also search for